classifica

sharing

domenica 9 ottobre 2011

MARTE CLIMA MITE E FIUMI D'ACQUA SOTTERRANEI......

http://www.leganerd.com/wp-content/uploads/LEGANERD_041789.jpg 

Clima mite e fiumi d'acqua sotterranei, 4.5 miliardi di anni fa Marte era un pianeta "ospitale"

Una temperatura mite e rivoli sotterranei di acqua a circa 10 metri sotto la superficie: così era Marte 4,1 miliardi di anni fa. Il ritratto del giovane Marte emerge dallo studio di un meteorite marziano che ha circa 4,1 miliardi di anni, pubblicato sull'Accademia delle Scienze Americane (Pnas). La ricerca, coordinata dal California Institute of Technology (Caltech), ha ricostruito l'ambiente nel quale si è formato il meteorite Allan Hills, caduto in Antartide. Marte aveva un clima mite - Mentre numerose prove fanno ipotizzare che in passato vi sia stata acqua allo stato liquido sulla superficie di Marte, molti dubbi riguardano invece la temperatura del giovane Pianeta Rosso. Finora, infatti, è stato molto difficile comprendere se la superficie di Marte sia mai stata più calda rispetto alle attuali temperature, che sono di circa 40 gradi sotto lo zero. Per cercare di risalire alle antiche temperature del pianeta rosso i ricercatori hanno analizzato il meteorite marziano, che risale a circa 4,1 miliardi di anni fa, e che rappresenta un'istantanea di come era la giovane crosta di Marte. In particolare le ricerche si sono concentrate su un gruppo di minerali contenuti nel meteorite, i carbonati, e sono state analizzate le temperature alle quali questi sono 'precipitati' ossia si sono formati. Dubbi sulla possibilità futura di popolare il pianeta - "Abbiamo scoperto - scrivono i ricercatori - che i carbonati in questo meteorite sono precipitati a una temperatura di circa 18 gradi in presenza di acqua e anidride carbonica presente nella giovane atmosfera marziana". Secondo lo studio questo meteorite si sarebbe formato in un 'ambiente acquoso', a circa una decina di metri sotto la superficie di Marte dove probabilmente scorrevano piccoli corsi d'acqua sotterranei sottoposti a graduale evaporazione. "Nonostante la mitezza delle temperature medie - concludono i ricercatori - l'apparente effimera natura dell'acqua in questo ambiente lascia aperta la questione della sua abitabilità". Link

Nessun commento: