classifica

sharing

domenica 12 marzo 2017

TRACCE DI CIVILTA' SOTTO I GHIACCI DELL'ANTARTIDE

Antartide: immagini Nasa rivelano tracce di insediamenti a 2,3 chilometri sotto il ghiaccio



La missione Operation IceBridge della NASA in Antartide ha recentemente rilasciato imamgini del telerilevamento che mostrano quello che alcuni esperti ritengono potrebbe essere la prova dell’esistenza di un possibile insediamento umano conservato sotto un’impressionante coltre di ghiaccio di 2,3 kilometri.Questa interessante scoperta è stata fatta durante i test aerei di prova della tecnologia Advanced Topographic Laser Altimeter System (ATLAS) un sistema della NASA impostato per essere lanciato sul ghiaccio, Cloud e Land Elevation Satellite-2 (ICESat-2) nel 2017, si propone di monitorare i cambiamenti ghiaccio polare.“C’è molto poco margine di errore quando si tratta di singoli fotoni che colpiscono sulle singole fibre ottiche, è per questo che siamo stati così sorpresi quando abbiamo notato queste caratteristiche anomalie restituiteci dalla tencologia ATLAS”, spiega nasa-scientist- Nathan Borrowitz, scienziato del progetto IceBridge e ricercatore del ghiaccio marino con il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland.Lo scienziato della NASA Nathan Borowitz“A partire da adesso possiamo solo speculare su ciò che queste immagini siano, ma il lancio di ICESat-2 nel 2017 potrebbe portare ad altre importanti scoperte e una migliore comprensione delle caratteristiche geomorfologiche dell’Antartide”, aggiunge.Un insediamento umano sepolto sotto 2,3 chilometri di ghiaccioIl capo-archeologo, Ashoka Tripathi, del Dipartimento di Archeologia dell’Università di Calcutta ritiene che le immagini mostrino una chiara evidenza di un antico insediamento umano sotto la spessa coltre di ghiaccio.Lo scienziato indiano Ashoka Tripathi“Questi sono archeo-india chiaramente le caratteristiche di una sorta di opera intelligente simile a una specie di struttura piramidale. I modelli non mostrano chiaramente nulla di esatto e dobbiamo aspettarci formazioni geomorfologiche naturali che si possono osservare in natura. Sembra però che vi sia l’inequivocabile prova di un’ingegneria umana. L’unico problema è che queste fotografie sono state scattate in Antartide ad una profondità di 2 chilometri di ghiaccio. Questa è chiaramente la parte imbarazzante, non abbiamo alcuna spiegazione per questo al momento “, ammette.“Queste immagini riflettono solo una piccola parte della massa totale della terra antartica sepolta dai ghiacci. Potrebbero esserci altri siti come questo, completamente ricoperti dal ghiaccio. Tutto ciò ci mostra come sia facile sottovalutare sia la dimensione che la portata degli insediamenti umani del passato”, spiega il dott Tripathi. Resti di una civiltà perduta lo storico e cartografo, presso l’Università di Cambridge, Christopher Adam, ritiene ci potrebbe essere una spiegazione razionale.La mappa di Piri Reis del 1513“Una delle mappe storiche più sconcertanti è dell’ammiraglio turco Piri Reis del 1513 dC, che mappò con successo la costa dell’Antartide più di 500 anni or sono. La cosa più affascinante di questa mappa è che mostra la costadell’Antartide senza ghiaccio. Come è possibile, dato che le immagini della costa subglaciale antartica sono state viste solo per la prima volta dopo lo sviluppo del radar in grado di penetrare il suolo nel 1958? E ‘possibile che l’Antartide non sia sempre stato ricoperto sotto un tale strato di ghiaccio? Questa potrebbe essere la prova di una possibilità effettiva”, riconosce.«Un leggero spostamento dei poli o lo spostamento dell’asse di rotazione della Terra in tempi storici è forse l’unica spiegazione razionale che viene in mente, ma abbiamo sicuramente bisogno di più ricerca però, prima di saltare ad una conclusione”.ICESat-2 (Ice, Cloud e Land Elevation Satellite 2), parte di Observing System Terra della NASA, è una missione satellitare progettata per misurare l’elevazione della massa dello strato di ghiaccio, il mare libero del ghiaccio, così come le caratteristiche topografiche del territorio e la vegetazione, ed è il suo lancio è programmato nel maggio 2017. Link

1 commento:

Anonimo ha detto...

Questo é incredibile http://notiziesmile.altervista.org/firenze-trovato-laboratorio-corpi-alieni-le-foto-shock/