classifica

sharing

sabato 26 settembre 2015

EDWARD SNOWDEN RISOLVE IL PARADOSSO DI FERMI SUI SEGNALI ALIENI

seti_seti-cook

Snowden risolve il paradosso di Fermi: ecco perché gli alieni non ci parlano

 

26118-edward-snowden Perché non riceviamo comunicazioni dalle stelle, se la fuori è pieno di pianeti abitati da alieni? Secondo Edward Snowden un motivo c'è Secondo la leggenda, sentendo parlare due colleghi fisici di UFO e di quanto fosse probabile che esistesse vita nell'universo, Fermi buttò lì una domanda, lasciando i suoi colleghi a bocca aperta senza una risposta: "dove sono tutti quanti?"Ovvero, in termini più scientifici: se è vero che nell'universo, o anche solo nella nostra galassia, esistono probabilmente migliaia di pianeti simili alla Terra dove può essersi sviluppata vita intelligente, come mai non captiamo trasmissioni di queste civiltà?Ci sono ovviamente varie possibili risposte; che non ci siano altre civiltà là fuori, che durino troppo poco e quindi sia improbabile l'esistenza contemporanea, che ci siano ma non vogliano comunicare, o che comunichino con altre tecnologie. O anche che ogni civiltà che comunica, facendosi così scoprire, venga tempestivamente distrutta da qualche superpotenza galattica.Edward Snowden, l'informatico che rivelò al mondo i programmi di sorveglianza segreti del governo americano e che da alcuni anni vive in Russia, ha avanzato un'altra ipotesi: che tutte le trasmissioni aliene siano criptate. Secondo Snowden sarebbe estremamente saggio per una civiltà evitare di farsi identificare inviando nello spazio trasmissioni riconoscibili come tali. Per quanto ne sappiamo, là fuori potrebbero esserci qualcuno estremamente potente ed estremamente poco amichevole. Gli alieni saggi, quindi, comunicherebbero usando trasmissioni criptate."Quando guardi una trasmissione criptata, se è criptata bene, non hai nessun modo di distinguerla dal rumore di fondo" dice Snowden. "Quindi, se hai una civiltà aliena che cerca di ascoltare altre civiltà, o la nostra civiltà che cerca di ascoltare civiltà aliene, c'è solo un breve periodo nella storia dello sviluppo di quella società durante il quale le trasmissioni sono inviate nello spazio in modo non protetto.""Anche adesso i nostri satelliti potrebbero stare captando i loro programmi televisivi, o le loro telefonate, ma non possono distinguerli dalla radiazione cosmica di fondo."Naturalmente arrivare a questa conclusione significa presumere che tutti gli alieni là fuori prendano molto seriamente la sicurezza e vogliano evitare accuratamente di farsi trovare.O che siano rimasti vivi sono quelli che non sono stati ancora trovati. Link

Nessun commento: