classifica

sharing

domenica 13 maggio 2012

PIANETA CHE EMETTE LUCE E' UNA STELLA DOPPIA 55 CANCRI


C'e' luce su una super-Terra

55 Cancri e dista dalla Terra 'solo' 41 anni luce

 55 Cancri è una stella doppia distante dalla terra allincirca 41 anni e grande poco meno del sole. 55Cancri A è la più grande del suo sistema, mentre 55 Cancri B, è una nana rossa. Le due stelle sono separate da oltre 1.000 unità astronomiche (circa 150 miliardi di km).A tutt’oggi, si conoscono ben 5 pianeti che orbitano attorno a 55 Cancri A: due di questi hanno una massa simile a quella di Giove, altri due pari alla metà di quella di Saturno, mentre il più interno (dista solo 2,4 milioni di km dalla stella, attorno a cui compie un’orbita in meno di 18 ore), denominato 55 Cancri e, viene definito una "Super-Terra", con dimensioni pari a circa il doppio di quelle del nostro pianeta (ma più piccoli dei pianeti giganti come Nettuno), una massa 8 volte maggiore e una densità media doppia (quasi 11 g/cm3).l telescopio spaziale Spitzer della NASA ha rilevato per la prima volta la luce proveniente da una “super-Terra”, un pianeta extrasolare più grande della Terra. Il pianeta non ha le caratteristiche che possano farlo sembrare abitabile, ma la scoperta è un passo storico verso la ricerca di eventuali segni di vita su altri pianeti.“Spitzer ci ha stupito ancora una volta”, ha detto Bill Danchi, scienziato del programma spaziale che usa il telescopio Spitzer. “Il telescopio spaziale è all’avanguardia nello studio delle atmosfere dei pianeti lontani, e spianerà la strada per l’imminente messa in orbita del il James Webb Space Telescope, il prossimo gioiello tecnologico della NASA che utilizzerà una tecnica simile per scoprire pianeti potenzialmente abitabili.”In precedenza lo Spitzer e altri telescopi avevano studiato il pianeta analizzando la variazione della luce di 55 Cancri A quando la Super-Terra passava tra noi e la stella. Nel nuovo studio, Spitzer ha misurato la quantità di luce infrarossa che viene dal pianeta stesso. I risultati rivelano che il pianeta è probabile molto scuro e buio, e che la faccia che rivolge al suo sole può raggiungere una temperatura superficiale di più di 2.000 Kelvin, circa 1727 gradi centigradi, abbastanza per fondere il metallo. La faccia nascosta e scura ha una temperatura decisamente più bassa perché gli astronomi ritengono che l’atmosfera troppo esile del pianeta non sia in grado di trasportare il calore dalla faccia calda a quella buia. Ora si attende il telescopio James Webb della NASA, che sarà lanciato in orbita nel 2018, che forse sarà in grado di scoprire ancora di più sulla composizione del pianeta. Il telescopio potrebbe anche essere in grado di utilizzare un metodo simile agli infrarossi di Spitzer per cercare altri pianeti potenzialmente abitabili con i segni di molecole possibilmente correlati alla vita. Link

Nessun commento: